header la verde sosta scritta
header la verde sosta-01
header la verde sosta-02
logo verde sosta_2

Dicono Di Noi

RECENSIONE DI UN UTENTE DEL MANGIONE - VISITA IL SITO DELMANGIONE

Giudizio servizio: 9     Giudizio cucina: 9     Giudizio ambiente: 9

Recensione
"La verde sosta" si trova in cima ad un crinale, in frazione Crocetta, sulla strada che da Santa Maria della Versa porta al passo del Carmine. La location è in una zona particolarmente "competitiva" per quanto riguarda l'offerta gastronomica, con vicini scomodi come "Il Prato Gaio" e "Sasseo".
Arriviamo e veniamo accolti calorosamente dal proprietario e dal personale, che si dimostra particolarmente socievole. L'ambiente è raccolto, piacevolmente casalingo ma raffinato al tempo stesso. Il patron Pino non lesina le spiegazioni sui piatti e sui vini e, a richiesta, conduce gli ospiti direttamente in cantina per le scelte più particolari.
Ci accomodiamo al tavolo e ci viene servito come aperitivo un bicchierino di Prosecco e un paio di deliziose tartine. Anche il pane, rigorosamente fatto in casa, è squisito.
Siccome siamo dei tradizionalisti, optiamo immediatamente per il "solito" antipasto dello chef, che in realtà varia ogni volta e comprende un paio di fettine di prosciutto crudo, uno spumoncino di grana caldo con aceto balsamico, una terrina (una specie di polpettone) con tartufo, una tortina calda di pasta brisè con le verdure; il tutto molto ben presentato, Voto 8.
Di primo invece scegliamo dei tocchetti con tartufo. Si tratta di gnocchi di patate, impastati con porcini e conditi con un filo d'olio e tartufo. Squisiti e particolari, voto 9.
Da bere ci rimettiamo al consiglio del padrone, che ci presenta un bel Buttafuoco. Ottimo, voto 8
E' il momento del dolce, e per me arriva un fondant al cioccolato e per la mia ragazza una panna cotta con amarene. Insieme ci beviamo un passito. Voto 8 anche per il dolce, buonissimo, ottimamente presentato e accompagnato al vino.
Prezzo, compresi caffè e acqua naturale, 93 euro in due. Onesto per la qualità e la particolarità del cibo.
All'uscita ci fermiamo a scambiare due chiacchiere con il patron Pino e con la cuoca Grazia, attenti conoscitori delle materie prime e frequentatori di fiere eno-gastronomiche in giro per l'Italia. Si capisce la loro passione per il mestiere, la costante ricerca della qualità e il piacere nel soddisfare i clienti. Anche stasera torniamo a casa pienamente soddisfatti. Prezzo: 46,00

IL GIORNO - VENERDI 20 MAGGIO 2005
TAVOLA DEL GIORNO Com'è verde la «Sosta» fra i vigneti

MONTECALVO VERSIGGIA (Pavia)
Che bello questo locale che se ne sta quieto e accogliente in un angolo fatato di Oltrepò!
«Verde sosta», dice l'insegna.
E verde sosta è, viste che intorno al locale non ci sono che vigneti.
Un incanto.

Per arrivarci, lasciati l'A21 a Broni-Stradella, seguite le indicazioni per Santa Maria della Versa, quindi,
dopo il cartello per Volpara, arrampicate fino Montecalvo Versiggia, località Crocetta.

La strada sbuca proprio di fronte al locale. Patron Pino ha il gusto dell'accoglienza. Se vorrete menu e carta dei vini vi verranno serviti. Ma, se volete un consiglio, godetevi la performance con cui Pino elenca a voce i piatti del giorno, spiegando col cuore e passione particolarità degli ingredienti, tipologie di lavorazioni di cucina, leccorniosità delle diverse specialità.
I piatti? Gran regina dei fornelli è Grazia, moglie di Pino. Come il marito, ha per il suo lavoro passione smisurata e, va detto, rara. Avete presente quegli chef, ahi noi, che sembrano trattar materie prime e padelle come fossero bulloni?
Qui è tutta un'altra musica. Ogni piatto è frutto di ricerca. Il risultato ricercato è uno solo: far felice di assaggia.
"Cosa vi consigliamo? Aprite le danze con i gustosi salumi dell'alta Valle Versa, ovvero salame, coppa e pancetta stagionata 12 mesi, accompagnati da verdure in agrodolce, panzerottino ripieno di ricotta di Caldirola ed erbe di campo, la ghiotta «schitta» (frittatina di farina con cipolle).
Gustate i saporiti ravioli al brasato o con patate e salsiccia, o gli straghiotti malfatti alle bietole con grattata d'«escarun» (formaggio d'alpeggio). Non perdetevi il gallo al vino rosso.
Lasciatevi uno spazio per i dolci al cioccolato, che qui sono un'autentica meraviglia. Sarà un caso che tutti quelli che escono hanno sorriso e promettono di tornare?


Ma.Ga.
marco_gatti_r439_thumb400x275
EDOARDO RASPELLI ha scritto de LA VERDE SOSTA...     "AFFETTATI CHE BONTÀ:
PANCETTA ECCEZIONALE E COPPA SQUISITA. DA NON PERDERE ANCHE LO GNOCCO FRITTO FARCITO DI RICOTTA,
LA TIPICA FRITTATA DI ACQUA E FARINA E I RAVIOLI DI BRASATO."


Fate come me: la strada sarà un poco più lunga, ma ancor più ricca di fascino. Uscite dalla Piacenza-Torino a Broni- Stradella, prendete per il centro della prima località e poi salite seguendo le chiare indicazioni. Sarà una meraviglia questo angolo di Oltrepò Pavese tutto verde, tranquillo, silenzioso. Saranno pochi chilometri di facili curve tra i profumi ed i colori della campagna, prima che il solleone scotti fino alla violenza del cuore dell’estate. Poi, al ritorno, scendete verso Santa Maria della Versa e Stradella, sarà una passeggiata altrettanto bella.
In cima alle due strade convergenti, nel cuore di Montecalvo Versiggia, al centro della Frazione Crocetta, proprio in faccia a voi, ecco la piacevole annosa sagoma di questa bella casa di campagna, tra le casette unifamiliari dei residenti e quelle dei villeggianti. E’ il buen ritiro di una giovane coppia di ristoratori sui generis: lui, amabilmente loquace, in sala; la moglie in cucina.
Vengono entrambi dalla Puglia: a Milano mandavano avanti un paio di avviate gastronomie-salumerie ed avevano scoperto questo bell’angolo di Lombardia, classica meta del turismo meneghino degli anni 50-60 per le loro vacanze.
Poi, l’idea di lavorare non nel caos di Milano ma accanto alla loro nuova casa: ed eccoli rilevare alcuni anni fa la trattoria alla buona del paese che hanno ristrutturato ed abbellito mantenendole fascino e piacevolezza.
Una breve terrazzetta sulla strada, tendine ricamate alle finestre, infissi di oggi ma in stile d’una volta e, dentro, un simpatico piacevole ambiente raccolto. Un ingressino intimo, pochi tavolini a giusta distanza gli uni dagli altri in una prima saletta e poi nel suo prolungamento, affacciato sui vigneti.Un avviso professionalmente cortese contribuirà a farvi mangiare in santa pace “Fumando meno si gustano meglio i nostri piatti”.
Ho scritto “contribuirà”, perché non è detto che la coppia milanese attenda paziente che anche gli altri clienti, non soltanto loro, abbiano finito di mangiare. Un’ aria condizionata equilibrata e rinfrescante ed un aspiratore faranno si che possiate mangiare con un confort ancor più piacevole.
Un arredo caldo, una bella specchiera, sedie impagliate, tovaglie e coprimacchia giallini a fiorami verdi, posate d’acciaio, un servizio amabile svolto dal patron con un accorto aiuto di un dipendente, un clima di gioia, di festa, accogliente ed amabile che conquista la coppia come il gruppetto di giovani o la numerosa famigliola rumorosetta.
Carta dei vini ( senza annate ) quasi esclusivamente dedicata all’Oltrepò Pavese, menù a voce ed una spesa media di una cinquantina di euro per un pranzo medio alla carta dove pane e pasta sono fatti in casa, a mano.

Si comincia con gli affettati locali ( il buon salame, la coppa squisita, la pancetta eccezionale ), lo gnocco farcito di ricotta, i sottoli (eccellenti cipolle melanzane e peperoni), la tipica tradizionale frittata di acqua e farina. Al primo, si prosegue bravamente sul classico dei ravioli al brasato; si va avanti con quelli farciti di ricotta spinaci erbette e conditi di burro fuso.
Classici ed ottimi anche i secondi: il magatello di vitello in salsa calda di verdure, il succulento locale coniglio. Tra i dolci della casa, la tarte-tatin con crema inglese fredda e la panna cotta alle fragole fresche.

Provato il 22-06-2003 - Voto: 13.5/20

Leggi anche i commenti tratti direttamente dal

LIBRO DEI CLIENTI

Ristorante
La Verde Sosta

info@laverdesosta.it

Siamo chiusi il lunedì e il martedì ad esclusione di ricorrenze speciali

Create a website